Comunicati stampa

Pruccoli e Rossi (PD): “In campagna elettorale occorrono i temi ed i programmi. Meno accuse fumose, più attenzione alle esigenze della città”.

Meno facili demagogie, più confronti nel merito dei programmi.

 

I Consiglieri Giorgio Pruccoli e Nadia Rossi (PD) rispondono alle accuse di “inadeguatezza” e “delegittimazione” mosse nei confronti del Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, in merito alle vicende giudiziarie legate ad Aeradria.

 

“Sembra che gli avversari politici, non avendo risultati tangibili da mostrare, cerchino uno scontro privo di senso. Invece di andare in guerra con la baionetta ed un paio di sassi, ovvero con temi così deboli come l’attaccare sistematicamente Gnassi senza alcuna sentenza alla quale appigliarsi, sarebbe opportuno accendessero i riflettori su come vogliono amministrare il Comune di Rimini. Anche perché l’adeguatezza nel ricoprire il determinante ruolo di Sindaco, Andrea Gnassi l’ha ampiamente dimostrata interpretando la propria carica come nessun altro candidato avrebbe saputo fare. E la sua legittimazione è stata riconfermata giorno dopo giorno,cambiando Rimini in profondità. Fatti, non parole”.

 

Pruccoli e Rossi poi concludono: “Quali sono i temi di chi si vuole proporre come alternativa a Gnassi ed al PD? Cosa propongono? Dov’è il loro programma? Se hanno intenzione di limitarsi a cavalcare la questione Aeradria, senza alcuna sentenza pronunciata, non fanno altro che nuocere a Rimini. In primis perché sono loro a dimostrare un’inadeguatezza lampante nella comprensione delle reali necessità ed esigenze della città. Poi perché per sgomitare nell’arena politica, nel bel mezzo di una campagna elettorale, servono i temi non le accuse. E se mancano gli argomenti da sviluppare ne risente l’intero dibattito politico. I cittadini e tutta Rimini hanno bisogno di forze politiche concrete, non fumose, capaci solo si sollevare inutili polveroni alimentati dalla più becera delle demagogie. Siate concreti, portate i temi”.

 

 

Foto di copertina tratta dal seguente link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *