Di seguito, il testo integrale del comunicato stampa inviato questa mattina ai mezzi di comunicazione da me e dalla consigiera regionale Nadia Rossi sulla posizione assunta dall’assessore riconese e parlamentare della Lega Elena Raffaelli riguardo i fondi del Bando Periferie.

Elena Raffaelli, tra parlamento e assessorato riccionese

Rimini, 08 settembre 2018. – Ci sono alibi che non reggono neppure il tempo necessario alla loro narrazione. Bugie e distintivo, questo il distillato dell’intervento dell’assessora riccionese che si divide (evidentemente senza poter approfondire le questioni né locali né parlamentari), tra la spiaggia e la capitale.

L’alibi della tempistica di presentazione del progetto è talmente evanescente da non meritare neppure un commento se non rilevare che siamo di fronte ad un goffo tentativo di alzare la polvere da parte di chi ritiene i cittadini riminesi incapaci di documentarsi e comprendere. Cos’altro dice la neoparlamentare? Nulla. Il vuoto. Se non far capire che l’appello di Gnassi, lei rappresentante a Roma di questo territorio, non lo accoglierà.

Ma dovrà essere chiaro e lampante a chiunque che le motivazioni per cui non lo farà possono essere soltanto due. O per un piccolo e anacronistico campanilismo da assessora riccionese, alimentato dall’essere componente della Giunta Tosi, in perenne conflitto con Rimini. O per cieca obbedienza agli ordini di scuderia del mostro bicefalo gialloverde che probabilmente le ha anche fornito il kit per alzare la cortina fumogena.

Quello sul bando periferie è un esproprio perpetrato ai danni dell’ intera comunità riminese e questo mettere le mani avanti con falsità incredibili significa preparare le attenuanti alla coltellata che la parlamentare di questo territorio si prepara ad infliggere a questo territorio. Magari bevendosi poi serenamente e senza complessi di colpa contratti, convenzioni, firme e quindi faccia.

Con Raffaelli e parlamentari di governo assistiamo alla mutazione genetica: quella di onorevoli che non solo si vergognano, ma godono se a essere danneggiato è il territorio di elezione. Visti i continui balletti avanti e indietro del Governo e della maggioranza, contiamo in un ravvedimento operoso dell’ultimo momento e su un gesto di amore per il territorio riminese della Raffaelli in aula. Ben oltre gli interessi di bottega.

Giorgio Pruccoli
E Nadia Rossi
Consiglieri Regionali
Partito Democratico