Regione

Bilancio 2016: 28 milioni di euro per le variazioni compensative.

Approvata dall’Aula la prima variazione al bilancio 2016 della Regione – relatore il vicepresidente della Commissione Bilancio Roberto Poli – una manovra finanziaria prevalentemente di carattere compensativo che iscrive in entrata e contestualmente in uscita risorse a destinazione vincolata di provenienza statale, comunitaria o da altri soggetti per un totale di 14,8 milioni (stanziamento di competenza) e di 28 milioni (stanziamento di cassa).

 

La manovra si compone di due progetti di legge, quello che contiene le variazioni e quello con le disposizioni collegate.
Al progetto che contiene le variazioni è collegato l’ordine del giorno approvato, firmato da consiglieri di quasi tutti i gruppi, che impegna la Giunta “a utilizzare, per iniziative di prevenzione e contrasto alla criminalità organizzata, le somme ottenute dalla costituzione di parte civile nei processi penali contro le mafie”.

 

La manovra di variazione si è resa necessaria per rispondere a esigenze emerse nei primi mesi di gestione non programmabili in sede di predisposizione, discussione e approvazione del bilancio preventivo 2016-2018.

 

In sintesi, circa 11,5 milioni (risorse statali) vengono destinati per il funzionamento dei servizi per l’impiego che saranno trasferiti all’Agenzia regionale per il lavoro; oltre 4,8 milioni (somme residue) vengono trasferiti all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile; 7 milioni vengono ridistribuiti all’interno del programma per le attività produttive; 4 milioni (fondi statali) nel triennio 2016-2018 vengono assegnati per la bonifica del sito inquinato Fidenza; 530 mila euro vengono destinati per la proroga degli interventi rivolti a vittime di tratta di esseri umani; circa 1,6 milioni vanno alla difesa fitosanitaria e per la tenuta e l’aggiornamento dei libri genealogici del bestiame; oltre 1,5 milioni vengono destinati per le politiche giovanili e le azioni formative aziendali; 700 mila euro, nell’ambito delle risorse relative a trasporti e diritto alla mobilità, vengono trasferiti a viabilità e infrastrutture stradali; un contributo straordinario di 50 mila euro viene stanziato al Museo internazionale delle Ceramiche di Faenza; infine, viene autorizzato un contributo straordinario di 450 mila euro al Comune di Reggio Emilia per le opere di allestimento dell’aula speciale destinata a ospitare il processo Aemilia.

 

Il progetto di legge che contiene le disposizioni normative collegate è finalizzato a rendere più efficace l’azione amministrativa volta al conseguimento degli obiettivi fissati dal documento di economia e finanza regionale (Defr).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *